Logo

190_New hut, Monte Bar

L’edificio è semplice e moderno e presta molta attenzione alla sua funzioalità e agli aspetti energetici e di
sostenibilità. E’ una architettura didattica, ossia un edificio che è auto-sostenibile e mostra questo suo carattere in relazione al paesaggio, alla tecnica, alla natura e all’uomo.
In particolare, l’edificio si aggancia al suolo là dove collega i sentieri esistenti e li trasforma in un percorso architettonico.
Una pavimentazione di terrazze organizza prima il territorio attorno alla capanna e quindi la capanna stessa. L’accesso avviene dal portico/passaggio garantendo in questo modo una adeguata protezione sia estiva che invernale. Sia gli escursionisti che i bikers possono godere quindi di un comodo accesso agli spazi della capanna.
La terrazza, riparata dall’edificio principale, offre una vista spettacolare sulla città come gli spazi principali
dell’edificio. L’edificio produce energia grazie ai pannelli fotovoltaici e ai pannelli solari termici. Accumula l’acqua del tetto in due cisterne (poste sotto la nuova terrazza) che viene poi purificata grazie all’energia prodotta e viene riutilizzata per gli usi alimentari e igienici.
Lo smaltimento delle acque luride avviene attraverso una fitodepurazione. Nessun allacciamento quindi a un complesso e costoso sistema di smaltimento di tipo tradizionale che diventa inutile. L’edificio viene realizzato interamente con una struttura di legno prefabbricata e quindi è riciclabile. Ricalca in questo esempi recenti di costruzioni alpine. I costi di manutenzione sono ridotti, grazie ai materiali semplici impiegati. I materiali scelti sono materiali ecologici e privi di colle e di solventi. Un edificio, quindi, innovativo e didattico per la sua funzione e la sua architettura. Si costruisce, con la capanna, un mosaico ecologico tra la natura e l’opera dell’uomo.

Idee

3
3
2
2
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
© Lands Architetture