Logo

093_Competition for the new SI, Cadro

Obiettivo del progetto è una risposta concreta che risolve le aspettative del committente in particolare la funzionalità della scuola dell’infanzia, il rispetto degli standard costruttivi, economici ed energetici e in particolare i costi di manutenzione. Al tempo stesso il progetto vuole completare la scuola elementare nella sua impostazione urbana.

Concetto energetico, materiali e durabilità:
la struttura, un compatto volume, è interamente prefabbricata in legno. Questo permette di avere un isolamento termico importante e una qualità costruttiva elevata. Non ci sono ponti termici e il disperdimento energetico è limitato alle sole aperture di facciata.
Il legno sarà certificato FSC; l’isolamento è in lana di roccia. Il rivestimento esterno sarà in lastre di Scobalit traslucido piatto, ossia un materiale ad alta durabilità, posato su listoni in legno, dal basso costo di manutenzione. Le finestre sono previste il legno/alluminio.
Tutto il progetto, con il contenimento della cubatura, dell’involucro e con i materiali proposti, permette il raggiungimento dello standard Minergie senza particolari problemi e la garanzia di lavorare con materiali che sostengono lo sviluppo sostenibile.

Razionalità e economia:
La razionalità dell’impostazione progettuale, così come il contenimento della cubatura, permettono il rispetto del budget previsto. Con una struttura interamente prefabbricata, non ci sono imprevisti di cantiere e di tempi di esecuzione.
La scelta di lavorare con elementi trasparenti all’interno degli spazi di refettorio, così come tra le aule didattiche permettono un continuo contatto e la relazione tra le sezioni, nel mantenimento della loro autonomia funzionale.

Architettura:
la riconoscibilità del carattere pubblico e la qualità architettonica sono il motivo, unico, di rivestimento dell’involucro. Funzionale e al tempo stesso giocoso, in modo da avere un aspetto sociale e comunicativo dell’architettura.
Luci e colori dell’interno, potranno essere resi visibili all’esterno, allo stesso modo i lavori manuali prodotti dai bambini possono diventare oggetto di disegno della facciata.

Urbanistica:
il progetto proposto vuole completare la parte esistente del complesso scolastico, disegnando la parte verso SUD. Si conferma in questo senso la scelta di avere una grande corte piantumanta e delimitata ai lati da spazi scolastici e didattici. In questo modo si lascia completamente libero il prato a EST e si sottolinea il carattere unico della scala dell’intervento rispetto alle abitazioni circostanti.
Si rinforza, con il nuovo corpo di fabbrica, la scelta urbana della scuola. L’apertura della corte verso SUD, verso la città viene enfatizzata dal nuovo corpo di fabbrica.

Idee

5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
© Lands Architetture