Logo

168_Private house, Lugaggia

Il progetto consiste nell’edificazione di un nuovo manufatto architettonico: una casa unifamiliare.
Il terreno su cui sorgerà il nuovo edificio si trova in posizione rialzata rispetto alla strada comunale
e gode di un ottimo orientamento verso EST. Inoltre la forte pendenza che lo caratterizza ha
influenzato inevitabilmente lo sviluppo dell’intero progetto.
L’edificio è costituito da un volume semplice e compatto, composto da tre piani fuori terra.
Il piano terra, formato da un atrio di accesso, da una cantina, da un disponibile e da un bagno di
servizio, si trova ad una quota superiore rispetto a quella di accesso al lotto. I due livelli sono
collegati tramite una gradinata.
Percorrendo una scala si raggiunge il primo piano, rappresentante la zona notte della casa. A tale
livello si trovano due camere da letto ed un bagno.
All’ultimo piano, costituito da un unico locale, si trova la zona giorno della casa: la cucina, la sala e
la sala da pranzo.
Caratteristica peculiare è l’involucro esterno.
Lungo i lati che guardano a valle e verso la strada comunale l’involucro è costituito da pareti in
cemento armato e legno. In contrapposizione, i lati che guardano verso la proprietà stessa e a
monte sono interamente vetrati. Il risultato è un dialogo tra le facciate massicce, che segnano
l’attaccamento al terreno di questo edificio e quelle interamente trasparenti che quasi vogliono
scomparire per dare continuità con lo spazio esterno, dilatando quello interno.
Per quanto riguarda la sistemazione esterna, si è deciso di mantenere il più possibile intatta la
situazione di partenza, preservando la superficie verde. Una scalinata accompagna esternamente
la facciata a valle, permettendo di raggiungere la quota dell’ultimo piano anche dal giardino.
Per accedere al piano terreno, l’edificio presenta una trincea d’accesso la cui larghezza è
decisamente inferiore alla metà della facciata. Data la natura del terreno non ci sono o possono
essere altre possibilità.

Edifici

1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
6
6
6
6
6
6
1
1
© Lands Architetture